IL CAVO MAGICO

giacominopiccolino La storia  Il progetto

 

 

                                                         

 

IL MIO CORO

 

 MAURO BIGNARDI

ALICE

Sito Gold

sito web

Sito d'argento

Primo di categoria

Super Sito Web

www.arisimarialuisa.it

Ripasso ortografico estivo fine classe terza

La divisione in sillabe

REGOLE BASILARI

 

Le consonanti doppie si dividono

pal-la

tet-to

 —————————————————-

I gruppi di due consonanti diverse si dividono MB. MP, LT, RT

gam-ba

tem-po

or-to

 —————————————————- 

La S impura cioè seguita da una o più consonanti non si divide da esse

po-sta

te-sto

e-stro

 

L’uso dell’H

Quando si utilizza l’H?

Quando significa possedere qualcosa.

Es. Ho un gatto, ho una casa

 

Quando significa sentire provare qualcosa

Es. Ho freddo, ho sonno

 

Nella funzione di verbo avere in questi casi

Ho: prima persona singolare, tempo presente.

Hai: seconda persona singolare, tempo presente.

Ha: terza persona singolare, tempo presente.

Hanno: terza persona plurale, tempo presente.

Ho mangiato prima persona singolare, tempo passato prossimo.

Hai mangiato seconda persona singolare, tempo passato prossimo.

Ha mangiato terza persona singolare, tempo passato prossimo.

Hanno mangiato prima persona plurale, tempo passato prossimo.

 

PICCOLE  STRATEGIA PER CAPIRE

 

ATO, ITO, UTO   l’ ’acca han sempre avuto.

Es.: Ho mangiato; ho giocato, ho voluto

 

L’H non si usa

Se risponde alle seguenti domande

DOVE? A scuola

COME? A piedi

A CHI? A Stefano

Quando è utilizzata come O = oppure

 

 

 

 

Le doppie

LE DOPPIE

PAROLE COMPOSTE

Quando una parola che termina per vocale si unisce con una che inizia per consonante, la consonante raddoppia

 

Sopra tutto  soprattutto (questo sostantivo si può scrivere anche senza la doppia)

sopra ciglia  sopracciglia

così detto  cosiddetto

e come   eccome

fra tanto  frattanto

 

Le parole che contengono le sillabe ZIA – ZIO –  ZIE  non  vogliono la doppia    

es. polizia azione reazione menzione…

 

Vi sono però delle eccezioni:

pazzia  razzia carrozziere  corazziere

e alcuni voci dei verbi che terminano in zzare

spazziamo

spruzziamo

spruzziate

 

Le sillabe qu cu cqu

Le sillabe QU   CU  CQU

 

 

In italiano solo le  sillabe  QUA, QUE, QUI, QUO si  scrivono con  QU :  quadro, questo, quindici, quoto.

Alcune parole però fanno  eccezione e vogliono CU anziché QU: arcuato,  circuito, cospicuo,  cuoco, cuoio, cuore, evacuare, innocuo, percuotere, riscuotere, scuola, scuotere.

 

Solo una parola vuole la  doppia  QQU: soqquadro

 

Similmente  solo  una parola vuole la doppia  CCU : taccuino.

 

La parola acqua  e tutti i suoi derivati si scrivono  invece con  CQU: acquarelli, acquario, acquolina, ecc.

 

Poche altre parole si  scrivono con  CQU:

acquistare,  acquietare

i passati  remoti giacque, nacque, piacque, tacque, ecc.

Il suono gli

Il suono GLI

 

Il gruppo GLI si pronuncia in un unico suono

 

Ha generalmente un suono dolce:

   ciglia, figlio, moglie, biglietto, quaglia

 

Solo in alcuni casi ha un suono duro:

   glicine, glicerina, geroglifico…