Il nuovo anno scolastico è già iniziato e tra impegni burocratici e riunioni varie eccomi qui ad iniziare un altro ciclo con nuovi alunni, ognuno con il proprio bagaglio di affetti, paure, soddisfazioni, insoddisfazioni…e se la nuova storia è appena cominciata per i piccolini, i più grandi si accingono ad intraprenderne un’altra dopo cinque anni di vita insieme, tra soddisfazioni e delusioni, ostacoli e traguardi, incoraggiamenti e rimproveri,  alle prese con la DAD, che non è stata una sfida facile sia per gli alunni che per gli insegnanti, tra voti e livelli, ma soprattutto con la gioia di crescere insieme!

Ora torno con la memoria a 5 anni fa e mi sembra ieri, allora non potevo immaginare che oggi la normalità sarebbe stata quella di dover accogliere gli alunni con tanto di mascherina, disinfettante e distanziamento! Ma eccoci qui, per fortuna in presenza, se pur con nuove regole, con nuove speranze e tanta energia necessaria ad affrontare le problematiche che via via si presenteranno. I momenti di sconforto non mancheranno, ma verranno superati con pazienza e convinzione, investendo il cuore oltre alle competenze, perché non ci si può prendere cura di un bambino senza mettere sentimento nella relazione educativa. Sono convinta che oltre a possedere determinate competenze, un buon insegnante debba prima di tutto desiderare di esserlo!

 ,